Come disinfettare la cuccia del cane? Guida pratica per una cuccia pulita e profumata

Probabilmente ti sarai già chiesto come disinfettare la cuccia del cane correttamente, così da avere un posticino pulito e profumato per il tuo Fido. In realtà, la pulizia della cuccia, spesso sottovalutata, non è essenziale solo per la salute del cane, ma anche per l’igiene della casa e, in generale, per la sicurezza di tutta la famiglia.

Si sa, quando si vive con animali in casa l’abitazione deve essere perfettamente pulita, così da evitare contaminazioni batteriche.

È per questo motivo che bisogna sapere bene come disinfettare la cuccia del cane, tenendo a mente la corretta procedura per tenere ben disinfettata e igienizzata la cuccia del Principino di casa. Cominciamo!

 

Perché è importante sapere come disinfettare la cuccia del cane?

 

 

Abbiamo già accennato al fatto che sia necessario sapere come disinfettare la cuccia del cane, indipendentemente dal fatto che si trovi spesso nell’abitazione oppure in una cuccia all’esterno, magari in giardino.

Per evitare problematiche dovute alla scarsa igiene, è sempre bene igienizzare correttamente la cuccia del cane. Ma come farlo? In realtà, niente di molto complicato. Bisogna solo imparare ad essere pazienti e a pulire con una certa frequenza la cuccia (e in generale tutti gli spazi in cui si muove il tuo cucciolo).

 

Cosa utilizzare per disinfettare la cuccia del cane?

 

 

Innanzitutto, devi sapere che in commercio esistono tantissimi prodotti che possono aiutare in queste circostanze. Se la cuccia è in tessuto richiede il lavaggio con l’acqua, valutando prima quanto pelo perde l’animale, quanto tempo trascorre all’aperto e soprattutto se presenta allergie o se i membri della famiglia ne soffrono.

Eventualmente, prima di lavare la cuccia, ti conviene passare l’aspirapolvere sul tessuto in modo da aspirare via il pelo. Inoltre, tra un lavaggio e l’altro, rinfresca la cuccia cospargendo al di sopra un po’ di bicarbonato con un paio di goccine di olio essenziale di Tea Tree o di olio di Neem, ottimi disinfettanti che aiutano a tenere lontane anche pulci e zecche. Lascia agire per qualche minuto e infine spazzola via, così da rinfrescare il tessuto.

Per la pulizia di pavimenti e pareti della cuccia ricorda di non adoperare detergenti contenenti ammoniaca. Più che il detersivo, la cosa davvero importante per disinfettare la cuccia è lo strumento.

L’impiego di un’idropulitrice o di un vaporetto potrebbe essere l’ideale per detergere le pareti esterne della cuccia indipendentemente dal materiale, anche se molto sporca: il getto d’acqua/vapore ad alta pressione permette di rimuovere fango e sporcizia accumulati in modo rapido e indolore.

 

Come lavare la cuccia in base al materiale

 

 

Il lavaggio della cuccia, dopo la sanificazione dell’ambiente, dipende in gran parte dal materiale di cui è composta. Dopo averla pulita, aspirando i peli e sanificandola con appositi prodotti, bisogna fare il lavaggio vero e proprio.
Questo passaggio varia a seconda della tipologia di cuccia.

La cuccia in tessuto è la più semplice da lavare, oltre ad essere la più comoda per il tuo cucciolo, che ci si potrà stendere sopra per riposare in tranquillità. È anche vero però che la cuccia in tessuto è quella che deve essere lavata più spesso, in quanto germi e batteri possono annidarsi all’interno del tessuto.

L’ideale, dopo aver aspirato il pelo, sarebbe lavarla in lavatrice con un prodotto specifico igienizzante e possibilmente ad alte temperature, utilizzando uno spray o un prodotto specifico durante la settimana per rinfrescare e igienizzare il tessuto.

La cuccia in plastica invece è la più comoda, anche se esteticamente non è di certo la più accattivante. Si tratta però della tipologia più semplice da lavare sotto l’acqua corrente, con un bel panno pulito e un prodotto igienizzante.

Chiaramente, il cane all’interno della cuccia dormirà su una copertina o su un cuscino, dunque anche questa dovrà essere lavata seguendo le regole che abbiamo visto per la cuccia in tessuto.

Se invece hai un giardino o un cortile, probabilmente dovrai occuparti anche della cuccia in legno del tuo cucciolo, con tanto di coperte e di cuscini al suo interno, che dovrai lavare a parte almeno una volta a settimana, essendo all’esterno.

Discorso diverso per l’interno in legno, dove non è il caso di usare acqua ma piuttosto un anti tarme e anti umidità, così da igienizzare e proteggere il legno dagli agenti esterni.

 

E se la cuccia non viene pulita correttamente?

 

 

La scarsa igiene della cuccia del cane può comportare diverse problematiche. Innanzitutto, la cuccia sporca può diventare un vettore naturale di germi e batteri, con conseguenze anche gravi come desquamazioni e altre patologie.

Inoltre, i germi rimasti sul pelo del tuo cucciolone potrebbero entrare in casa e rimanere attaccati a tappeti, tende e divani. Per questo è importante disinfettare la cuccia del cane con un prodotto disinfettante studiato per questo scopo. Prediligi prodotti certificati che svolgano le azioni fondamentali per curare la cuccia e le superfici.

Un prodotto pronto e certificato garantisce sicurezza e scarsa probabilità di reazioni allergiche o di lavori poco efficienti, protezione per l’animale e per tutta la famiglia. Inoltre, se proprio vogliamo essere rigorosi, ogni superficie avrebbe bisogno di un detergente apposito.

Infatti, i prodotti fai-da-te potrebbero essere troppo aggressivi per alcune superfici e non davvero igienizzante, fattore pericoloso se si considera che alcuni elementi in famiglia potrebbero soffrire di reazioni allergiche.

Per pulire la cuccia del tuo cane, dunque, affidati solo ai migliori professionisti del settore, scegliendo prodotti appositi valutati in base alle superfici da trattare e ai posti della casa che normalmente frequenta il tuo amico a quattro zampe.

Da' un’occhiata al nostro portale per trovare tutti gli accessori per la massima igiene!

T: +39 045 952302

Consegna gratuita da € 49 di spesa

Le nostre promesse

Vuoi provare il nostro servizio con il 10% di sconto? Iscriviti!