Anche i gatti temono la prova bilancia?

Fortunatamente i nostri amici gatti non hanno l’ansia di doversi pesare alla bilancia per controllare il peso e nemmeno quella di dover affrontare come l’uomo, almeno una volta all’anno, la temutissima prova costume. Per loro avere qualche etto, o addirittura qualche chilo in più, non è un problema, almeno in apparenza.

Il sovrappeso in cui spesso incorrono i nostri amici pelosetti, soprattutto quelli che vivono in appartamento, li espone a innumerevoli problemi che hanno una ricaduta negativa e sensibile sull’animale. Innanzitutto è dimostrato che il micio troppo in carne, generalmente, ha un’aspettativa di vita più breve e, sembrerà strano, conduce una vita più infelice: diabete, complicazioni respiratorie e circolatorie, affezioni cutanee e artriti sono i pericoli maggiori che insidiano la salute del nostro amico a quattro zampe e che alterano il suo ideale stato di forma.

Nel caso in cui, consigliati sempre da un medico o da uno specialista, ci accorgessimo che il nostro micio si trova in un eccessiva  condizione di “abbondanza”, sarebbe necessario attuare un programma basato su un’alimentazione corretta, magari dietetica, e una buona attività fisica, anche in età avanzata.

La minaccia rappresentata dall’obesità, dovuta spesso a uno stile di vita sedentario o alla condizione di gatto sterilizzato, andrebbe scongiurata anche con un impegno in prima persona da parte del proprietario, magari riducendo il numero giornaliero di spuntini, offrendo piuttosto coccole, carezze e possibilità di gioco con movimento. In fondo sono sufficienti due/tre pasti quotidiani, premisurati e a intervalli di tempo regolari. Niente merendine fuori orario se non in casi eccezionali.

Meglio scegliere alimenti secchi o secchi naturali poiché tengono maggiormente impegnato lo stomaco stimolando di più il senso di sazietà. Tra i croccantini, ad esempio, sono preferibili quelli a base di fibre con valori di lipidi non superiori al 10%.

Nei casi più complessi, sono disponibili dei veri e propri alimenti dietetici che aiutano il nostro micio a soddisfare il suo appetito senza incidere troppo sul peso, anzi, attuando al contempo un’azione di recupero della forma ideale e delle funzioni e dei parametri ideali.
 

Se la condizione di obesità dovesse superare un livello di guardia, come dicevamo prima, il nostro consiglio è sempre quello di rivolgersi al medico veterinario di fiducia.
 


24/10/2013

News

Fortunatamente i nostri amici gatti non hanno l’ansia di doversi pesare alla bilancia
per controllare il peso...